Coach Cibe

Bel lavoro, ragazzi!Good job, guys!

BRAVI TUTTI!
Davvero, senza ironia, ma con la massima simpatia e affetto per le squadre presenti alle final four del campionato italiano (il terzo) 2011/2012.

Scott Offerman (allenatore), Lorenzo Balzarini (presidente) e Pietro Carabellese (capitano) ricevono la targa di campioni d

Bravi ai ragazzi della Bocconi, che hanno dimostrato ancora una volta come con il (duro) lavoro, con l’impegno e con la disciplina si possa arrivare in poco tempo (2 anni… casualmente lo stesso tempo che impiegò il Merate per arrivare al vertice) a diventare una solida e vincente realtà nel lacrosse italiano.
Conosco personalmente bene (e alcuni molto bene) i ragazzi della Bocconi e mi si permetta di dire che, anche se da queste finali sono uscito sconfitto proprio da loro, sento dentro di me un certo “paterno” (o “fraterno” per non descrivermi troppo vecchio) orgoglio per la loro vittoria.

Bravi ai ragazzi del Merate, che dopo una stagione un po’ “traballante” (dopo una grande vittoria c’è sempre un po’ di calo di “fame”) hanno tirato fuori le @@ degne dei campioni d’italia che sono stati fino alla fine della finale, battendo il Perugia (alzi la mano chi non lo considerava il favorito del campionato) e arrendendosi in finale alla Bocconi (inopinabilmente più forte) ma con una partita pulita, disciplinata e giocata fino all’ultimo minuto. Red Hawks che in tre anni di campionato non si sono mai piazzati al di sotto della seconda posizione; e questo qualcosa vorrà dire!

Bravi ai ragazzi di Perugia, perchè saper perdere da signori una partita che doveva lanciarli verso la conquista del titolo non è da tutti. In particolare bravo a Steven Whitford che porta sempre per mano i suoi ragazzi in partita, che sia una vittoria o una sconfitta e che a 47 anni appena compiuti è prima di tutto un leader e poi una macchina da gol che ogni squadra vorrebbe.

Bravi ai ragazzi della Roma, che si sono presentati alle finali con i senatori alla guida di una pletora di nuovi elementi (molti alla prima stagione) che sono sicuro daranno soddisfazione al coach Antonelli che è arrivato commosso e concentrato a questa 2 giorni di lacrosse.

E infine bravi anche agli organizzatori: resto del parere (già espresso) che la location non fosse il massimo per favorire l’afflusso di pubblico ma… finalmente…  i vincitori del campionato hanno stretto in mano un trofeo!

Good job guys!
Congratualtions to everyone.

Thank you to the winning and loosing teams and thank you to the organizers for this 2 days of italian lax!

See you in Perugia for the Italian Cup!

One Comment

  1. Carlo Cof

    16/05/2012 at 8:07 pm

    3 anni e 3 campioni diversi.
    E un’ottima cosa, no? La rotazione vuol dire che tutti crescono.

Lascia un commento