Coach Cibe

Merate c’è

Si chiude sull’11 a 4 per i brianzoli la semifinale di andata contro Roma.
I ragazzi di coach Tony salgono a Carnate in forze ma privi del bomber Giorgini.
Questa assenza pesa probabilmente più del previsto in quanto i romani peccano proprio in fase conclusiva.
Dall’altra parte i Red Hawks hanno solo 12 uomini + l’ormai vecchio coach a disposizione e sono sempre orfani di Sacchi anche se ormai ci hanno fatto l’abitudine.
 
Il primo quarto, molto intenso, si chiude sull’1 pari e, nel secondo quarto, i Red Hawks dopo essere andati in vantaggio per 3 a 1 si fanno recuperare sul 3 pari (e qui Coach Cibe un po’ si è preoccupato) prima di chiudere la prima metà del match sul 5 a 3 con due gol fulminei.
A questo punto il potenziale offensivo della Roma si spegne e, anche se i Leones riescono a continuare a fare circolare palla in modo molto ordinato riescono a segnare solo un altro gol in due quarti con Margonelli.
Dall’altro lato i Red Hawks giocano bene, in modo ordinato e con una grande calma. In questo modo riescono a compensare la panchina cortissima e a finalizzare buona parte delle azioni.
Da segnalare il “gollonzo” della stagione segnato da 70 metri da Jacopo Colombo (nella foto) in un tentativo di “maldestro” rinvio grazie all’aiuto di un ciuffo d’erba sapientemente posizionato davanti a Resse.

image

 
Al più presto sarà pubblicata la gallery della partita. La nostra fotografa, Muriel, ha commentato: “finalmente faccio foto a qualche altra squadra!”.

Domenica prossima il ritorno a Milano tra Bocconi e i Phoenix che dovranno cercare di recuperare la bellezza di 14 gol di scarto.
La domenica successiva invece scenderanno a Roma i Red Hawks per cercare  di mantenere il vantaggio accumulato in casa.
 
Chiudiamo con due osservazioni (giusto per la precisione) che dovranno, secondo me, essere tenute in considerazione per le prossime stagioni.
Primo –  A livello puramente teorico ed accademico (e anche antisportivo 😀 ), se Bocconi e Red Hawks perdessero le partite di ritorno a tavolino (6-0) senza presentarsi sarebbero qualificate automaticamente per la finale primo e secondo posto senza neppure dover scendere in campo (14, come dicevamo, i gol di vantaggio per Bocconi e 7 per Merate).
Secondo – le finali nella settimana immediatamente successiva alla semifinale Roma- Merate pongono queste 2 squadre in una posizione di svantaggio rispetto alle avversarie che hanno una settimana di tempo in più per recuperare eventuali infortuni.
 

Lascia un commento