Coach Cibe

Sabato 14: in campo anche le ragazze

Si è disputata sabato a Milano la partita amichevole Milano Baggataway-Perugia Phoenix.
Il risultato, per molti a sopresa, è stata la vittoria per 6 a 4 della squadra di Perugia.
 
Su questo incontro abbiamo chiesto un commento a Gaia Legori, colonna portante delle Baggataway, infortunata per questo match ma, ovviamente, presente in panchina.

image

“Milano Baggataway-Perugia Phoenix, la prima partita amichevole femminile di lacrosse di quest’anno sportivo organizzata dalla Federazione Italiana Giuoco Lacrosse si è svolta ieri con il risultato finale di 4-6 e vittoria delle perugine. In generale, non immaginatevi una partita pulita e divertente, anzi. È stata fin dall’inizio caotica, sembrava a tratti una partita da oratorio, dove tutti rincorrono la palla senza sapere bene cosa farne, a tratti una bella partita con azioni, vedi i draw, degne di un livello di lacrosse più alto. Per commentare in breve la partita, il primo tempo è stato molto equilibrato. Se da una parte noi riuscivamo a tenere alto il pressing e a giocare in attacco, dall’altra parte il Perugia ha dimostrato di riuscire a ripartire con contropiedi veloci, grazie anche alle abilità delle ragazze esterne da Bologna e Siena. Invece il secondo ha visto le Phoenix gestire la partita, reuperando numerose groundball e rimanendo per quasi tutto il tempo in attacco.
 
Dopo ogni partita rifletto sempre a lungo sugli aspetti positivi e quelli negativi, anche dopo una vittoria non guardo mai solo al lato positivo, sarebbe troppo facile. E se mi dicono che le sconfitte servono a crescere, allora provo a capire cosa non ha funzionato ieri. Tuttavia è difficile per me dare un parere oggettivo, perchè ieri è successo qualcosa di inspiegabile.  Sicuramente hanno pesato molto le assenze di Silvia in difesa e la mia a centrocampo, la presenza di Hanna Sims (top scorer delle Phoenix con 5 gol su 6), ma non credo che sia stato solo questo il motivo della sconfitta. Ieri, dopo mesi di allenamento, dopo tornei in svizzera in cui abbiamo brillato, è come se la squadra avesse dimenticato tutto. Ieri per qualche strano motivo abbiamo smesso di giocare come ci eravamo preparate e abbiamo seguito il gioco delle perugine, facendo così la partita che non dovevamo assolutamente fare. Poca grinta, poca determinazione e i gol di Hanna hanno fatto il resto. Certamente questa sconfitta ci ha fatto capire su cosa dobbiamo lavorare nei prossimi mesi.
 
Non dimentichiamo le belle notizie però. Ieri hanno debuttato le new entry di quest’anno, tutte giovanissime, con giudizio positivo per tutte. Hanno dimostrato di avere voglia di crescere e di avere grande potenziale per il futuro. La seconda nota positiva è che la squadra di Perugia c’è e che se riesce a mantenere questi ritmi crescerà in fretta dando al panorama del lacrosse femminile italiano un gusto decisamente più vivace.
Infine il terzo e non meno importante aspetto positivo è che l’arbitraggio di ieri è stato approvato a pieni voti. Pur non avendo mai seguito un corso ufficiale ma solo una lezione organizzata a Milano lo scorso aprile e tenuta dalla Head Umpire svizzera Uli Smid, Stefano Rovelli e Giovanni Fossati hanno dimostrato di sapere gestire una partita femminile in maniera più che sufficiente.
Quindi occhi aperti per la prossima amichevole che si terrà a Perugia. “
 
Se anche dal fronte Perugia mi verrà inviato un commento sarò felice di pubblicarlo. Trovo sempre molto interessante avere il punto di vista di tutti.

Lascia un commento